14/04/2019

Parto cesareo: lo iodopovidone 1% vaginale riduce il rischio di endometrite


Graziottin A.
Parto cesareo: lo iodopovidone 1% vaginale riduce il rischio di endometrite
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

CONDIVIDI SU
Commento a:
Roeckner JT, Sanchez-Ramos L, Mitta M, Kovacs A, Kaunitz AM.
Povidone-iodine 1% is the most effective vaginal antiseptic for preventing post-cesarean endometritis: a systematic review and network meta-analysis
Am J Obstet Gynecol. 2019 Apr 4. pii: S0002-9378(19)30531-9. doi: 10.1016/j.ajog.2019.04.002. [Epub ahead of print]

Confrontare l’efficacia di diverse formulazioni antisettiche vaginali nella prevenzione dell’endometrite e di altre complicanze infettive del parto cesareo: è questo l’obiettivo della review condotta da Jared Roeckner e collaboratori, del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia della University of Florida a Jacksonville, USA.
L’analisi è stata condotta su trial clinici randomizzati reperiti in MedLine, Embase, Cochrane e atti di congressi, seguendo le linee guida PRISMA Extension for Network Meta-analysis. Sono stati identificati 23 studi sulla prevenzione dell’endometrite, per un totale di 7097 donne, che hanno posto a confronto i seguenti trattamenti:
- iodopovidone (1%, 5%, 10%);
- clorexidinina (0.2%, 0.4%);
- gel al metronidazolo;
- cetrimide;
- trattamento salino;
- nessun trattamento.
Ecco, in sintesi, i risultati:
- in confronto al trattamento salino o a nessun trattamento, tutte le formulazioni antisettiche riducono il rischio di endometrite (5.2% vs 9.1%, OR 0.48, 95% CI 0.35-0.65, 22 studi, 6994 donne);
- individualmente considerati lo iodopovidone (OR 0.43, 95% CI 0.28-0.64, 16 studi, 5968 donne), la cetrimide (OR 0.34, 95% CI 0.13-0.90, 1 studio, 200 donne) e il gel al metronidazolo (OR 0.38, 95% CI 0.16-0.90, 1 studio, 224 donne) riducono significativamente il rischio di endometrite;
- fra tutti i preparati presi in considerazione, lo iodopovidone 1% ha la più alta probabilità (72.7%) di essere il trattamento più efficace;
- per quanto riguarda gli outcome secondari della ricerca (infezioni della ferita post-operatoria, febbre), lo iodopovidone è l’unico trattamento significativamente efficace (rispettivamente OR 0.61, 95% CI 0.48-0.78, 16 studi, 5968 donne; e OR 0.58, 95% CI 0.40-0.83, 12 studi, 4667 donne).

top


© 2019 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.