31/10/2019

Uso dei probiotici in ginecologia – Parte 3


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Intervista rilasciata in occasione del Microbiome International Expert Summit on “Targeting therapies: probiotics and beyond”, Bangkok, Thailandia, 12-13 settembre 2019
Uso dei probiotici in ginecologia – Parte 3
CONDIVIDI SU

Sintesi del video e punti chiave

Il paziente non deve “obbedire” al medico, ma aderire con consapevolezza al progetto terapeutico che questi gli propone: è quindi necessario spiegare le finalità di ogni singolo farmaco che viene prescritto, anche quando si tratta di probiotici.
Nella terza parte di questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come il primo obiettivo dei probiotici sia il pieno recupero del microbiota intestinale devastato dagli antibiotici, da stili di vita scorretti, dall’obesità;
- le conseguenze per la salute urogenitale e generale della sindrome dell’intestino irritabile, e dell’infiammazione diffusa che la caratterizza;
- le evidenze a supporto dell’efficacia terapeutica dell’Escherichia coli di Nissle;
- perché combattere l’infiammazione intestinale consente di curare anche la depressione, l’ansia, l’irritabilità e i disturbi a carico del sonno;
- come i probiotici siano veri e propri alleati della salute.

top


Audio e video stream correlati:
Uso dei probiotici in ginecologia – Parte 4
Uso dei probiotici in ginecologia – Parte 2
Uso dei probiotici in ginecologia – Parte 1
Microbiota: i benefici dell'Escherichia Coli di Nissle

Parole chiave:
Ansia - Depressione / Tono e disturbi dell'umore - Escherichia coli di Nissle 1917 - Infiammazione - Irritabilità - Mastociti - Microbiota intestinale - Probiotici, prebiotici e simbiotici - Sindrome del colon/intestino irritabile - Sonno, insonnia e disturbi del sonno


© 2019 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.