31/01/2019

Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 3


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 3

Scarica l'intervista:
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 3
(7.903 kByte)

CONDIVIDI SU

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Il 70 per cento delle donne colpite da endometriosi ha sintomi chiarissimi prima dei 20 anni: eppure il tempo medio che intercorre fra questi iniziali segnali d’allarme e una diagnosi corretta è ancora di circa nove anni.
Nella terza parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- le due ipotesi principali, e complementari fra loro, che spiegano l’origine della malattia;
- perché, in particolare, l’endometriosi può estendersi ad organi extra-addominali;
- quali sono i sintomi, evocabili anche in sede di visita ginecologica, che la donna avverte quando la malattia colpisce la zona ano-rettale;
- l’enorme utilità diagnostica del diario del dolore;
- come l’endometriosi sia una malattia seria, ma ben controllabile con le giuste terapie;
- perché le cure per l’endometriosi eliminano anche altri sintomi catameniali, ossia che si manifestano in corrispondenza delle mestruazioni, come l’asma;
- la conseguente importanza di una stretta collaborazione fra specialisti diversi per individuare e combattere la patologia nel più breve tempo possibile.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

top


Audio e video stream correlati:
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 4
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 2
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 1

Parole chiave:
Asma / Asma perimestruale - Diario del dolore - Dischezia - Dolore mestruale / Dismenorrea - Endometriosi


© 2019 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.