24/01/2019

Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 2


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 2

Scarica l'intervista:
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 2
(7.732 kByte)

CONDIVIDI SU

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Quando una donna soffre di endometriosi, troppo spesso si pensa che il dolore sia “inventato”. Questo è un approccio assolutamente scorretto: il dolore è sempre un semaforo rosso che si accende sul fronte della salute, è sempre un’invocazione di aiuto che merita di essere accolta con la massima attenzione clinica.
Nella seconda parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- in che modo l’esame medico obiettivo può colmare i limiti degli attuali mezzi di indagine visiva;
- come dai segni e dai sintomi che la donna presenta la diagnosi di endometriosi possa essere formulata con un altissimo tasso di sicurezza;
- che cos’è il diario del dolore, e come si tiene;
- i benefici terapeutici della pillola contraccettiva in continua;
- che cosa significa “criterio di diagnosi ex adjuvantibus”;
- come attualmente l’endometriosi non possa essere definitivamente debellata, ma possa essere silenziata con tre importanti vantaggi per la salute;
- in quali casi è opportuno ricorrere alla chirurgia, e che cosa si deve somministrare subito dopo.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

top


Audio e video stream correlati:
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 4
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 3
Endometriosi: dal dolore alle terapie - Parte 1

Parole chiave:
Diario del dolore - Dolore ai rapporti / Dispareunia - Dolore mestruale / Dismenorrea - Endometriosi - Fertilità e infertilità - Menopausa precoce iatrogena - Pillola contraccettiva continuativa - Regime contraccettivo esteso


© 2019 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.