23/11/2016

Pornografia e sessualità maschile: se un figlio naviga spesso sui siti hard


Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


CONDIVIDI SU
“Sono molto preoccupata per mio figlio quindicenne, che ho sorpreso più volte su siti hard. Io temo che questo gli rovini la sessualità e il rapporto con le donne. Mio marito ride, dice che anche lui e i suoi amici sono cresciuti sui giornaletti porno e non è mai morto nessuno. A me questo eccesso di sesso sui social sembra pericoloso. Qual è il confine tra normalità e patologia?”.
Mamma in crisi (Mantova)

top

Gentile signora è un dato di fatto: gli stimoli sessuali via internet sono in crescita esponenziale. Se guardato occasionalmente, il video erotico rientra nei percorsi adolescenziali frequenti e tipici del mondo occidentale contemporaneo. Diventa un semaforo rosso che si accende sul fronte psicosessuale del ragazzo quando:
- l’uso è troppo precoce, già prima o subito dopo la pubertà;
- tende a diventare la fonte esclusiva di eccitazione e piacere, perché il ragazzo non esce e non ha amicizie che gli diano gusto e soddisfazione;
- rischia di diventare l’interesse dominante cui dedica maggior tempo, perché l’adolescente è timido, introverso o si sente brutto (o è deriso); perché ha un’acne vistosa o è sovrappeso; perché non riesce a sentirsi accettato nel gruppo dei coetanei; perché ha difficoltà a stare con le ragazze, a corteggiarle.
La “fuga” su internet aumenta quando l’adolescente va male a scuola; quando non fa sport e non ha altri hobby che lo appassionino, come la musica, i viaggi o la fotografia, per citarne qualcuno; quando sente desideri omosessuali che teme non siano accettati dagli altri.
In altri termini l’uso crescente/quotidiano di siti hard da parte di un figlio adolescente è la punta dell’iceberg di una difficoltà di crescere e di vivere nella vita reale le normali tappe della crescita psicosessuale e della scoperta dell’attrazione fisica, dell’eccitazione e del piacere orgasmico. Proibire serve a poco. Se l’uso è davvero eccessivo, è la difficoltà a vivere amicizia e sessualità nella vita reale che va compresa e aiutata a essere superata.

top

Prevenire e curare – I rischi di troppo sesso virtuale per un adolescente

- Creazione di un mondo erotico visivo fittizio che diventa l‘“ideale dell’io”
- Frattura tra erotismo visivo e sensualità: tattile, gustativa, olfattiva, uditiva
- Ritardo o inadeguatezza dell’acquisizione nella vita reale dell’alfabeto amoroso che rende vivace e appassionante l’arte di amare (corteggiamento, seduzione, baci, carezze, abbracci, petting…)
- Tendenza a vedere il corpo dell’altro/a come puro oggetto di piacere e non come soggetto amoroso, partner di un rapporto fatto (anche) di sentimenti, di emozioni esclusive e, forse, d’amore

top

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Dipendenze, droghe e doping - Internet, videogiochi e televisione - Pornografia - Rapporto uomini-donne - Riflessioni di vita - Sessualità maschile


© 2016 - RCS Periodici

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.